Palazzo Caetani


>  Fontana Biondi

I       Cattedrale

I           "Il Buttero"

I    Palazzo Caetani

I       Tres Tabernae


     

                >     Affreschi Caetani

>      Grotte Caetani

 

Palazzo Caetani visto da Piazza 19 MarzoCostruito dal duca Bonifacio Caetani nel 1560 intorno alla rocca dei Frangipane, di cui sono ancora visibili il pozzo romano e la torre quadrata, il Palazzo sorge all’estremità e nel punto più elevato dell’antico borgo per il quale costituiva un confine difensivo nonché l’ingresso attraverso l’arco detto “Porta Agrippina”.

Mutilata nel 1944 dai bombardamenti bellici, della lunga e massiccia costruzione ne rimane l’esatta metà. Quasi certamente opera dell’architetto Francesco da Volterra, Palazzo Caetani è un esempio del “sintetismo” cinquecentesco improntato su forme essenziali: pochi elementi decorativi, accostamento del mattone con il travertino, ampia corte quadrata con arcate sottolineate da semplici fasce e con i piani soprastanti scanditi orizzontalmente da fasce marcapiano e con piatte e sottili cornici che arricchiscono la superficie muraria.L'antico ingresso di Palazzo Caetani

Luogo di ristoro lungo l’Appia per nobili viaggiatori e prestigioso ritrovo per ricche battute di caccia, le sale di Palazzo Caetani accolsero cardinali, pontefici e principi di mezza Europa tra cui Papa Gregorio XIII, i Cardinali Lancellotti e Caraffa, Maria L'antica cisterna romana al centro del chiostroCarolina d’Austria, Papa Clemente VIII, Clemente XI, Pio VI, Benedetto XIII. Famosa era l’ospitalità dei Caetani.

Nell’ottobre 1589 Onorato IV accolse Papa Sisto V con una grandiosa caccia ed un banchetto nel bosco di S.Biagio dove fece sgorgare “il vino dalle querce come l’acqua dalle fontane”.

Palazzo Caetani oggi ospita la biblioteca comunale, la pinacoteca, la galleria d’arte La Mimosa ed è sede di attività e manifestazioni artistiche e culturali.