Comune di Cisterna di Latina

Comune di Cisterna di Latina

Benvenuti nella città dei butteri

  • Il Comune di Cisterna su Facebook
  • Il Comune di Cisterna su Twitter
Visualizzazione normale Testo più grande Visualizzazione ad alto contrasto Visualizzazione alternativa

Comunicati Stampa

Parte domani il piano di derattizzazione nel centro città. Si chiede a cittadini e commercianti di non depositare i rifiuti fuori dai cassonetti.

Il caldo e l’accumulo di rifiuti abbandonati fuori dagli appositi contenitori creano l’habitat ideale per il richiamo e la proliferazione dei topi e ratti nei centri urbani.

Cisterna non è immune da questo spiacevole fenomeno e per questo ultimamente sono numerosi i casi di avvistamenti di topi in alcuni punti della città.

Parte, quindi, da domani il piano di derattizzazione attivato dal Comune e che, fino al mese di dicembre, prevede l’installazione di contenitori per esce rodenticide a norma. I dispositivi sono apribili tramite un’apposita chiavetta e le esche all’interno saranno ancorate in modo da evitarne l’asportazione da parte del roditore, la fuoriuscita accidentale o il consumo da parte di altri animali.

Le postazione esterne saranno circa 100, suddivise in contenitori esca rodentidica e azioni di lotta con esca o schiuma rodenticida all’interno di tombini e di cavidotti elettrici. 

«A seguito della valutazione fatta dai responsabili tecnici nel corso di sopralluoghi – spiegano il sindaco Valentino Mantini e l’assessore al Decoro Urbano Andrea Santilli -, abbiamo programmato un’importante azione di derattizzazione in alcune aree del centro città.

È tuttavia necessaria la collaborazione di tutti, dei cittadini come dei commercianti, affinché il nostro intervento non sia vanificato nel giro di pochi giorni. Abbandonare i rifiuti fuori dai cassonetti è un gesto pericoloso. Infatti, se questi contengono residui di cibo, attirano topi e ratti, un serio pericolo sanitario ma anche economico e d’immagine per la città e le attività commerciali nella vicinanza. Pertanto ciascuno di noi è chiamato a collaborare attivamente».

Cisterna di Latina, 30 giugno 2022