Comune di Cisterna di Latina

Comune di Cisterna di Latina

Benvenuti nella città dei butteri

  • Il Comune di Cisterna su Facebook
  • Il Comune di Cisterna su Twitter
Visualizzazione normale Testo più grande Visualizzazione ad alto contrasto Visualizzazione alternativa

Comunicati Stampa

Domani a Cisterna la “XXVII Marcia della Transumanza”. Partirà da Nettuno e alle 17 sarà a Cisterna per sfilare sul Corso. Arrivo a Jenne martedì 13 agosto

Ormai una tradizione nella tradizione. Giunge infatti alla sua XXVII edizione la Marcia della Transumanza organizzata dalla Libera Università Popolare dell'Agricoltura L.U.P.A. che, partendo da Nettuno, attraverserà a cavallo 14 comuni fino a raggiungere il piccolo comune di Jenne.

La carovana di uomini e cavalli partirà domattina, alle 10, ma sarà preceduta dalla Sagra del Transumante, che si svolgerà stasera presso la Chiesa S.Antonio Abate di Falasche con stand gastronomici, musica e balli.

Domattina dopo la colazione e la benedizione dei cavalli e cavalieri, il corteo partirà per questa nuova avventura raggiungendo Cisterna, la “patria dei butteri”, intorno alle ore 17 con una sfilata lungo Corso della Repubblica con il saluto da parte delle autorità.

Quindi raggiungerà l’impianto equestre de “Il Filetto” dove i butteri e i cavalieri si esibiranno e, sotto le secolari querce dell’ex Macchia di San Biagio, consumeranno la cena per poi trascorrere la notte sotto il cielo stellato.

La mattina seguente, la carovana percorrerà i sentieri lungo le tenute storiche di Torrecchia Nuova e Torrecchia Vecchia arrivando al lago di Giulianello (Cori) con pranzo lungo la riva.

Nel pomeriggio riprenderà la marcia e nei giorni seguenti toccheranno i comuni di Artena, Colleferro, Paliano, La Forma, il valico di Monte Scalambra, gli Altipiani di Arcinazzo, le sorgenti del fiume Aniene, la scenografica fiaccolata di Trevi nel Lazio, per giungere infine martedì 13 a Jenne con la cerimonia di chiusura della manifestazione in piazza.

“Tra le finalità dell'evento – spiega Antonio Volpi, presidente della L.U.P.A. – c’è l’intento di portare a conoscenza dei cittadini l'arte e il sapore di un'epoca irrepetibile ormai quasi dimenticata. L'obiettivo è il recupero e riqualificazione delle tradizioni che hanno rappresentato un momento importante di una vita vissuta da un popolo di allevatori, pastori, che ha sfidato questa terra selvaggia e ormai da generazioni ne fanno parte. Ma la marcia non è soltanto rievocazione storica, bensì anche l’esempio e possibile modello di un turismo rispettoso della storia e dell’ambiente”

Cisterna di Latina, 8 agosto 2019