Comunicati Stampa
Ultimo aggiornamento: 11.24.08 11:43:12
SINDACATI PENSIONATI E COMUNE PER UNA SANITA' MIGLIORE


Cisterna di Latina, 26 luglio 2002
Il piano di riorganizzazione sanitario, la ridefinizione dei distretti ed il piano di integrazione socio-sanitario sono stati al centro dell'incontro tra l'Amministrazione comunale e le tre sigle sindacali SPI- CGIL, FNP- CISL, UILP - UIL tenuto quest'oggi a Cisterna.

Presenti il Sindaco Mauro Carturan, l'Assessore Sandro Di Mario, il responsabile dei Servizi Sociali Paola Corsetti, i rappresentanti sindacali Augusto Rossi, Claudio Floreale, Sante Morello, Gaetano Militello, Carlo Pezzoli, Gino Carrozzini, Vincenzo Abagnale, Pio Zanoli, Ennio Parente.

Nel corso della riunione sono state rappresentate le preoccupazioni dei sindacati circa il progressivo peggioramento sei servizi erogati dalla Asl, causati anche da indefinite ristrutturazioni ospedaliere, da carenze di personale, da inefficienze di strumentazioni ed attrezzature diagnostiche.

In particolare i sindacati hanno chiesto all'Amministrazione comunale di fare proprio l'impegno per una rivisitazione della suddivisione distrettuale della ASL, che sia praticato un vero decentramento decisionale e di budget economico verso i distretti, che sia portata rapidamente a termine una ristrutturazione dei Presidi Ospedalieri così da rispondere adeguatamente alle esigenze dei cittadini dei diversi distretti sanitari, che sia data una risposta adeguata in termini di efficienza ed efficacia dei diversi dipartimenti ospedalieri, assegnandovi le necessarie strumentazioni ed i conseguenti organici, che sia potenziato il servizio territoriale di assistenza sanitaria domiciliare, che siano potenziati i servizi nei poliambulatori, che si provveda a realizzare in ogni distretto un adeguato sistema ambulatoriale diagnostico e specialistico, al fine di eliminare le liste di attesa ed evitare migrazioni verso altre ASL ed altre regioni con elevati costi economici e sociali per le famiglie dei malati, che ci si impegni a far realizzare nella Provincia quella rete di servizi socio-sanitari integrati che sono i soli che possono essere di sollievo.

Tutte questioni che il Sindaco e l'Assessore Di Mario hanno pienamente condiviso ed anzi hanno rimarcato i notevoli ritardi della ASL rispetto all'attuazione dell'Atto di Programmazione Generale Aziendale 2001, nonchè ai pochi interventi promessi in favore della sanità cisternese. Gli unici sviluppi avuti negli ultimi anni, infatti, sono tutti frutto di interventi dell'Amministrazione comunale o di qualche donazione privata come la sistemazione di alcuni servizi presso la vecchia sede municipale, l'acquisto di due Holter, di tutto il mobilio delle sale di medicheria, di lettini, carrelli ed il rinnovo della sala d'aspetto del Punto di Primo Soccorso.

Perplessità sono state espresse dall'Assessore alla Sanità e Politiche Sociali Di Mario circa la logica seguita dall'A.S.L. nella ridesignazione del distretto sanitario nord, che vorrebbe Cisterna accorpata insieme ad Aprilia. Tale scelta infatti, terrebbe conto solo delle realtà sanitarie, dimenticando quelle sociali, quando invece gli indirizzi politici e normativi attuali chiedono di ragionare in un'ottica congiunta socio-sanitaria.

Soddisfazione, invece, è stata espressa dai rappresentanti sindacali per la realizzazione in corso delle richieste esposte nella piattaforma proposta all'Amministrazione comunale. In particolare l'Assessore Di Mario ha annunciato la prossima realizzazione della Carta dei Servizi socio-sanitari e l'avvio di progettualità rivolte agli anziani. A tal proposito per il mese di settembre verrà effettuato un incontro specifico per approfondire i punti essenziali della piattaforma.

Le Organizzazioni sindacali hanno rimarcato l'increscioso fenomeno delle lunghe fila che si registrano presso l'Ufficio Postale, che mettono a dura prova soprattutto le persone anziane; aspetto condiviso dall'Assessore Di Mario, che nel mese di maggio ha rappresentato di aver scritto al Direttore dell'Ufficio Postale, evidenziando la problematica e rimarcando la disponibilità, anche economica del Comune, a trovare una soluzione, attraverso un sistema di numerazione automatico. A tutt'oggi non ha ancora ottenuto una risposta in merito.

Il Sindaco Carturan, infine, ha suggerito di convocare un incontro che coinvolga anche i sindacati della sanità al fine di dare maggiore forza ed operatività alle proposte dei pensionati e del Comune di Cisterna.